sabato 26 maggio 2018

La sacerdotessa della Luna

Casa Editrice: Capponi Editore | www.capponieditore.it 
Autore: Valeria Nitto
Prima edizione: febbraio 2018
Distribuzione: Mondadori, Feltrinelli e in tutte le altre librerie
Pagine: 230
Costo: 12,00



L'autore:
Nata a Siracusa nel 1982 è cresciuta nella città natale dove ha frequentato una scuola commerciale. Impiegata, moglie e madre, ha partecipato a vari premi letterari e pubblicato un paio di racconti su diverse antologie come la raccolta dei 365 racconti horror per un anno e Il magazzino dei mondi, edite dalla Delos Books. 


Recensione:
In seguito alla morte della madre, Elena si trasferisce a casa di sua zia temporaneamente, per affrontare il lutto. La fastidiosa presenza del cugino Jack che l'ha umiliata crudelmente anni prima di fronte ai suoi amici, riaccende in lei sentimenti molto negativi che la sua innocenza tenta disperatamente di sopprimere.
Quando una divinità antica e vendicativa percepisce queste emozioni in lei, la attira e prende possesso del suo corpo tramite un anello da collezione dello zio.
Mentre tutto sembra andare a rotoli Jack  non riesce a resistere alla nuova personalità, travolgente e passionale di Elena, non sapendo quanto possa essere possessiva.
La vendetta per il tradimento è il tasto che spinge la divinità ad agire, arrivando quasi ad assassinare il cugino e i suoi amici.
A nulla serviranno le sedute di psicoterapia, ma quando Jack si renderà conto dell'origine soprannaturale della nuova Elena riuscirà finalmente a liberarla.

La storia scorre piuttosto velocemente, è molto interessante il cambiamento psicologico dei protagonisti:
Elena passa dall'essere una ragazza estremamente insicura, dolce e fin troppo ingenua, all'essere posseduta da una donna trasgressiva, passionale e violenta. Alla fine della storia è evidente come questa breve esperienza sovrannaturale l'abbia resa più forte e matura, più determinata.
Anche Jack tramite i suoi pensieri svela i motivi che lo spingevano ad agire crudelmente nei confronti della cugina, passando dall'essere agli occhi del lettore, un giovane strafottente e disprezzabile ad un ragazzo turbato dalla difficile situazione familiare che nasconde affetto e dolcezza.
Lo stile è piacevole e scorrevole ed è interessante l'ambientazione urbana della Sicilia che rende la storia molto realistica.  Mi ha colpita come la parte sovrannaturale sembri solo un pretesto per far evolvere i personaggi (persino la zia che prende coscienza dei tradimenti del marito, rendendosi conto di aver inutilmente odiato la sorella), rimanendo su uno sfondo talmente concreto da portare Jack a credere che sua cugina soffra di una sindrome da personalità multipla.
Unica pecca i troppo frequenti passaggi attraverso i punti di vista dei vari personaggi, talvolta disorientante anche se spesso interessante per conoscerli meglio.
In conclusione consiglio questo romanzo e spero di leggere come evolverà la relazione tra Jack e Elena in futuro!